Nucleo di Valutazione di Ateneo
NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO
UniversitÓ degli Studi di Parma

RICERCA UNIVERSITARIA
Fonti: MIUR.

Decreto Interministeriale 16 settembre 2009 prot. n. 94/2009.

Criteri per la stipula di contratti di diritto privato a tempo determinato per lo svolgimento di attività di ricerca e di didattica integrativa presso le Università, ai sensi dell'art. 1, comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230.


Nota n. 60/PRIN del 30 marzo 2006.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando PRIN 2006).

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 582 del 24.03.2006, relativamente alla presentazione delle domande di cofinanziamento dei progetti di ricerca di interesse nazionale, si evidenziano le principali innovazioni previste dal bando e si forniscono informazioni sulle procedure di presentazione delle domande stesse.


Decreto Ministeriale n. 582 del 24 marzo 2006.
Progetti di ricerca di interesse nazionale - Bando 2006.

Il MIUR, ogni anno, cofinanzia progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università. l'esecuzione dei progetti ha durata massima biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei progetti è assegnata in unica soluzione anticipata.


Nota. n. 6 del 5 Gennaio 2006.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2005.

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 287 del 23.02.2005 relativamente alla ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che è disponibile in rete, sito MIUR, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2005.


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università. Anno 2005.
RELAZIONE FINALE COFIN-2005

Il Decreto Ministeriale del 23.2.2005, nel dare avvio al bando 2005 per il cofinanziamento di progetti di ricerca di interesse nazionale proposti dalle Università, ha confermato, in larga misura, le modalità di presentazione dei Progetti, la partecipazione finanziaria del MIUR ed i criteri di finanziamento, già adottati negli anni precedenti. Il Decreto ha peraltro introdotto rilevanti innovazioni in diversi punti, con particolare riguardo alla procedura della selezione dei progetti.


Decreto Ministeriale n. 219 del 22 dicembre 2005.
PRIN - Programmi di Ricerca di Interesse Nazionale.

Approvazione dei programmi di ricerca cofinanziati 2005.


Decreto Ministeriale n. 4 del 15 aprile 2005.
Commissione di Garanzia PRIN 2005.

Composizione della Commissione di garanzia 2005.


Nota n. 35 del 2 marzo 2005.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MIUR 2005).

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 287 del 23.02.2005, relativamente alla presentazione delle domande di cofinanziamento dei progetti di ricerca di interesse nazionale, si evidenziano le principali innovazioni previste dal bando.


Decreto Ministeriale n. 287 del 23 febbraio 2005.
Progetti di ricerca di interesse nazionale - bando 2005.

Il MIUR, ogni anno, cofinanzia progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università. l'esecuzione dei progetti ha durata massima biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei progetti è assegnata in unica soluzione anticipata.
Ciascun progetto è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori ed è coordinato o da un professore universitario di ruolo, o da un assistente ordinario del ruolo a esaurimento o da un ricercatore del ruolo universitario, nel seguito detto "coordinatore scientifico del progetto". Il coordinamento di ogni unità operativa può essere affidato ai soggetti di cui sopra, nel seguito denominati"coordinatori scientifici di unità operativa".
Documenti correlati:
collegamento al sito PRIN del MIUR. http://prin.miur.it/


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università. Anno 2004.
RELAZIONE FINALE COFIN-2004.

Il Decreto Ministeriale n. 30 del 12.2.2004, nel dare avvio al bando 2004 per il cofinanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale liberamente proposti dalle Università, ha operato confermando in larga misura modalità di presentazione, selezione, criteri di finanziamento già adottati nel bando 2003 e assieme innovando, anche in punti di rilievo.


Nota n. 1864 del 10 novembre 2004.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2004.

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 30 del 12.02.2004 relativamente alla ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che è disponibile in rete, sito MIUR, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2004.


Decreto Ministeriale n. 174 dell'8 novembre 2004.
Programmi di ricerca di interesse nazionale 2004.

Con decreto del Capo del Dipartimento per l'Università, l'Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica e per la Ricerca Scientifica e Tecnologica si provvederà all'erogazione delle risorse spettanti agli Atenei sedi di Responsabili di Unità di Ricerca.
Allegato:
Allegato: Elenco Coordinatori Scientifici ammessi al cofinanziamento 2004-
http://cofin2004.cineca.it/finanziati/index.html


Nota n. 282 del 20 febbraio 2004.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MIUR 2004).

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 30 del 12.02.2004, relativamente alla presentazione delle domande di cofinanziamento dei progetti di ricerca di interesse nazionale, si evidenziano, qui di seguito, le principali innovazioni previste dal citato bando:


Decreto Ministeriale n. 31 del 12 febbraio 2004.
Commissione di Garanzia per la selezione dei Prin 2004.

Composizione della Commissione di garanzia 2004.


Decreto Ministeriale n. 30 del 12 febbraio 2004.
Bando PRIN (progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale) 2004.

Il MIUR, ogni anno, cofinanzia programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università e dagli Osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici. l'esecuzione dei programmi ha durata annuale o biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei programmi è assegnata in unica soluzione anticipata. Ciascun programma è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori, ed è coordinato da un professore universitario di ruolo, da un assistente ordinario del ruolo ad esaurimento nonchè da un ricercatore confermato nel seguito detto "coordinatore scientifico del programma". Il coordinamento di ogni unità operativa può essere affidato ad un professore di ruolo, ad un ricercatore universitario confermato e/o non confermato, nel seguito detto "coordinatore scientifico dell'unità operativa".


Estratto dalla Nota n. 151 del 28 gennaio 2004.

Cofinanziamento 2003 - Rideterminazione piano spese.


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università (Anno 2003).
RELAZIONE FINALE COFIN-2003.

Il Decreto Ministeriale n. 21 del 20 febbraio 2003, nel dare avvio al bando 2003 per il co-finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale liberamente proposti dalle Università, ha operato confermando in larga misura le modalità di presentazione e selezione ed i criteri di finanziamento già adottati nel bando 2002 e innovando, per altro, anche in punti di rilievo.


Nota n. 2151 del 27 ottobre 2003.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2003.

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 21 del 20.02.2003 relativamente alla ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che è disponibile in rete, sito MIUR, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2003.


Decreto Ministeriale n. 197 del 23 ottobre 2003.
Progetti di ricerca di interesse nazionale 2003.

Con decreto del Capo del Dipartimento per la Programmazione, il Coordinamento e gli Affari Economici si provvederà all'erogazione delle risorse spettanti agli Atenei sedi di Responsabili di Unità di Ricerca.
Allegato:
Elenco Coordinatori Scientifici ammessi al cofinanziamento 2003 http://cofin2003.cineca.it/finanziati/index.html


Estratto dalla Nota della Commissione dei garanti n. 500 del 18 marzo 2003.

Cofinanziamento 2002 - Rideterminazione piano spese.


Decreto Ministeriale n. 42 del 6 marzo 2003.
Commissione di Garanzia 2003.

Composizione della Commissione di garanzia 2003.


Nota n. 331 del 25 febbraio 2003.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MIUR 2003).

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 21 del 20.02.2003, relativamente alla presentazione delle domande di cofinanziamento dei progetti di ricerca di interesse nazionale, si rinvia alle precedenti circolari ministeriali e, da ultimo, alla circolare n. 272 del 28.02.2002. Si indicano nella nota n. 331 le principali innovazioni previste dal citato bando.


Decreto Ministeriale n. 21 del 20 febbraio 2003.
Cofinanziamento progetti di ricerca di interesse nazionale - Bando 2003.

Il MIUR, ogni anno, cofinanzia programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università e dagli Osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici. l'esecuzione dei programmi ha, di norma, durata biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei programmi è assegnata in unica soluzione anticipata. Ciascun programma è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori, ed è coordinato da un professore universitario, nel seguito detto "coordinatore scientifico del programma". Il coordinamento di ogni unità operativa è affidato ad un professore o ricercatore universitario confermato, nel seguito detto "coordinatore scientifico dell'unità operativa".


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università. Anno 2002.
RELAZIONE FINALE COFIN-2002.

Il Decreto ministeriale n. 20 del 19 febbraio 2002 nel dare avvio al bando 2002 per il Co-finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale liberamente proposti dalle Università, ha confermato in larga misura le modalità di presentazione e selezione ed i criteri di finanziamento già adottati nel bando 2001.


Nota n. 1986 del 29 novembre 2002.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2002.

In applicazione a quanto previsto dal D.M. n. 10 del 23.1.2001 relativamente alla ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che è disponibile in rete sito MIUR, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2002.


Decreto Ministeriale n. 207 del 21 novembre 2002.
Approvazione con D.M. della graduatoria dei programmi di ricerca bando 2002 (COFIN 2002).

Con decreto del Capo del Dipartimento per la Programmazione, il Coordinamento e gli Affari Economici si provvederà all'erogazione delle risorse spettanti agli Atenei sedi di Responsabili di Unità di Ricerca.
Allegato:
Elenco Coordinatori Scientifici ammessi al cofinanziamento 2002. http://cofin2002.cineca.it/finanziati/index.html


Decreto Ministeriale n. 30 del 28 febbraio 2002.
Commissione garanzia - Cofinanziamento 2002.

Composizione della Commissione di garanzia 2002.


Nota n. 272 del 28 febbraio 2002.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MIUR 2002).

Facendo seguito al D.M. n. 20 del 19.02.2002, si forniscono, qui di seguito, gli indirizzi procedurali e le ulteriori indicazioni necessarie per formulare le richieste di finanziamento per i programmi di ricerca scientifica di interesse nazionale cofinanziati dal MIUR, relativi all'esercizio finanziario 2002.


Decreto Ministeriale n. 20 del 19 febbraio 2002.
Progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale - bando 2002.

Il MIUR, ogni anno, cofinanzia programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università e dagli Osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici. l'esecuzione dei programmi ha, di norma, durata biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei programmi è assegnata in unica soluzione anticipata. Ciascun programma è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori, ed è coordinato da un professore universitario, nel seguito detto "coordinatore scientifico del programma". Il coordinamento di ogni unità operativa è affidato ad un professore o ricercatore universitario confermato, nel seguito detto "coordinatore scientifico dell'unità operativa".


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università. Anno 2001.
RELAZIONE FINALE COFIN-2001.

Il Decreto ministeriale n. 10 del 23 gennaio 2001 nel dare avvio al bando 2001 per il Co-finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale liberamente proposti dalle Università, ha confermato in larga misura le modalità di presentazione e selezione ed i criteri di finanziamento già adottati nel bando 2000.


Nota n. 2035 del 20 novembre 2001.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2001.

In applicazione della procedura prevista dal D.M. n. 10 del 23.1.2001 per la ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che la Commissione di valutazione ha predisposto, a conclusione dei lavori di selezione, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2001 secondo le modalità indicate nel citato decreto. Tale elenco e la relazione finale della Commissione con i relativi allegati sono consultabili in internet all'indirizzo: http://cofin2001.cineca.it/


Decreto Ministeriale n. 235 del 12 novembre 2001.
Approvazione Programmi di Ricerca Cofinanziati 2001.

Con decreto del Direttore del Dipartimento per la Programmazione, il Coordinamento e gli Affari Economici si provvederà all'impegno ed alla erogazione delle risorse.
Allegato:
Elenco Coordinatori Scientifici ammessi al cofinanziamento 2001-http://cofin2001.cineca.it/finanziati/index.html


Nota n. 349 del 13 febbraio 2001.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MURST 2001).

Facendo seguito al D.M. n. 10 del 23.1.2001, si forniscono, qui di seguito, gli indirizzi procedurali e le ulteriori indicazioni necessarie per formulare le richieste di finanziamento per i programmi di ricerca scientifica di interesse nazionale cofinanziati dal MURST, relativi all'esercizio finanziario 2001.


Decreto Ministeriale n. 12 del 26 gennaio 2001.

Composizione della Commissione di garanzia 2001.


Decreto Ministeriale n. 10 del 23 gennaio 2001.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - bando 2001.

Il MURST, ogni anno, cofinanzia programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università e dagli Osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici. l'esecuzione dei programmi ha, di norma, durata biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei programmi è assegnata in unica soluzione anticipata.
Ciascun programma è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori, ed è coordinato da un professore universitario, nel seguito detto "coordinatore scientifico del programma". Il coordinamento di ogni unità operativa è affidato ad un professore o ricercatore universitario confermato, nel seguito detto "coordinatore scientifico dell'unità operativa".


Relazione finale della Commissione per la Valutazione dei Programmi di Ricerca delle Università. Anno 2000.
RELAZIONE FINALE COFIN-2000.

Il Decreto ministeriale n.10 del 13 gennaio 2000 nel dare avvio al bando 2000 per il Co-finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale liberamente proposti dalle Università, ha confermato in larga misura le modalità di presentazione e selezione ed i criteri di finanziamento già adottati nel bando 1999.


Nota n. 2517 del 10 novembre 2000.
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - Es. Fin. 2000.

In applicazione della procedura prevista dal D.M. n. 10 del 13.1.2000 per la ripartizione delle risorse destinate a finanziare programmi di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale, si comunica che la Commissione di valutazione ha predisposto, a conclusione dei lavori di selezione, la lista dei programmi di ricerca ammessi a cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2000 secondo le modalità indicate nel citato decreto.


Decreto Ministeriale n. 444 del 3 novembre 2000.
Approvazione dei programmi di ricerca cofinanziati per il 2000.

Con decreto del Direttore del Dipartimento per la Programmazione, il Coordinamento e gli Affari Economici si provvederà all'impegno ed alla erogazione delle risorse.
Allegato:
Elenco programmi cofinanziati - anno 2000 - http://cofin.cineca.it/murst-dae/finanziati2000/


Decreto Ministeriale del 10 aprile 2000.
Sostituzione di un componente della Commissione di Garanzia per la selezione dei programmi di ricerca di interesse nazionale per l'esercizio finanziario 2000.

Visto il D.M. n. 160 del 23.3.2000, con il quale sono stati nominati i componenti della Commissione di Garanzia per la selezione dei programmi di ricerca di interesse nazionale per l'esercizio finanziario 2000, si procede alla sostituzione di un membro della Commissione.


Decreto Ministeriale n. 160 del 23 marzo 2000.
Nomina della Commissione di garanzia per la selezione dei programmi di ricerca da ammettere al cofinanziamento per l'esercizio finanziario 2000.

Composizione della Commissione di garanzia 2000.


Nota n. 634 del 10 marzo 2000 (nota illustrativa).
Cofinanziamento programmi di ricerca di interesse nazionale - bando 2000.

Relativamente al numero massimo di unità di ricerca per progetto, si ritiene opportuno precisare - che nei decreti ministeriali predisposti annualmente per i bandi di cui trattasi - non è stato indicato un numero massimo di unità operative riferite ad ogni progetto nazionale.


Nota n. 502 del 24 febbraio 2000.
Nota illustrativa delle procedure per la richiesta di cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale (Bando MURST 2000).

Facendo seguito al D.M. n.10 del 13.1.2000, si forniscono gli indirizzi procedurali e le ulteriori indicazioni necessarie per formulare le richieste di finanziamento per i programmi di ricerca scientifica di interesse nazionale cofinanziati dal MURST, relativi all'esercizio finanziario 2000.
Allegato:
Documento di indirizzo del Comitato dei Garanti. Criteri generali per la valutazione dei progetti.


Decreto Ministeriale n. 10 del 13 gennaio 2000.
Cofinanziamento dei programmi di ricerca di interesse nazionale - bando 2000.

Il MURST, ogni anno, cofinanzia programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale proposti dalle Università e dagli Osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici.
l'esecuzione dei programmi ha, di norma, durata biennale. La quota ministeriale di cofinanziamento dei programmi è assegnata in unica soluzione anticipata.
Ciascun programma è sviluppato da una o più "unità operative di ricerca", raggruppanti un numero adeguato di ricercatori, ed è coordinato da un professore universitario, nel seguito detto "coordinatore scientifico del programma". Il coordinamento di ogni unità operativa è affidato ad un professore o ricercatore universitario confermato, nel seguito detto "coordinatore scientifico dell'unità operativa".


RIENTRO DEI CERVELLI.
INCENTIVI PER LA MOBILITà DI STUDIOSI IMPEGNATI ALl'ESTERO.


Decreto Ministeriale n. 207 del 28 marzo 2006.

Con riferimento al D.M. n. 207 del 28.03.2006, relativo al Fondo di finanziamento ordinario delle Università, si riporta quanto espressamente indicato all' art. 5: "Art. 5 - Chiamate dirette nei ruoli dei docenti di studiosi ed esperti stranieri o italiani impegnati all'estero 3.000.000 € vengono destinati per la copertura, in regime di cofinanziamento e per la quota relativa al presente esercizio, di chiamate dirette, con esclusione di quelle per "chiara fama", di cui all'art.1 comma 9 della Legge 230/2005. Gli interventi di cofinanziamento avranno effetto per il corrente esercizio dalla data di effettiva entrata in servizio del personale interessato e saranno integrati nei successivi fino alla concorrenza del 95 % dei costi iniziali delle qualifiche corrispondenti. Nei casi di cessazione nell'arco di tre anni dalla data della assunzione in servizio, per trasferimento o altra causa, dei soggetti che hanno dato luogo agli incentivi di cui sopra, si procederà al corrispondente recupero della somma assegnata.
Per il 2006, le disposizioni di cui al D.M. 26.1.2001 n. 13 e successive modificazioni, sono differite al 2007 ed in tale anno verranno valutate anche le proposte pervenute a questo Ministero entro il 31.1.2006."
Ulteriori indicazioni operative verranno fornite non appena il decreto sarà registrato.
Allegati:
Allegato 1. Criteri e calcoli per la definizione dei rapporti studenti/docenti ai fini delle assegnazioni dei cofinanziamenti ministeriali per incentivare la mobilità dei docenti;
Allegato 2. Studenti per gruppi di facoltà omogenei (2004-2005);
Allegato 3. Incentivi ministeriali 2006 per mobilità interregionale per trasferimento e chiamate dirette idonei;
Allegato 4. Incentivi ministeriali 2006 per chiamate dirette e di idonei no strutturati;


Linee guida 2005. Approvate il 16.7.2001.
Programma "Incentivazione alla mobilità di studiosi stranieri e italiani residenti all'estero" (D.M. 1.2.2005, n. 18).

Linee guida approvate dal Comitato preposto alla gestione del Programma, integrate il 24.7.2003 e il 13.4.2005. Le Linee guida 2005 riguardano: finalità del programma, destinatari del programma, scadenze, obblighi dell'Università; finanziamento, programma di ricerca, modalità di presentazione delle domande, valutazione delle domande, rinnovo dei contratti, obblighi dei vincitori.


Decreto Ministeriale n. 18 dell' 1 febbraio 2005.
Rientro cervelli 2005.

Sempre nell'intento di perseguire un'offerta formativa didattica e di ricerca altamente specialistica, si vuole consentire a giovani ricercatori italiani impegnati all'estero, l'opportunità di un definitivo rientro nel proprio paese.
Il MIUR, ogni anno, nell'ambito del decreto contenente i criteri di ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario, destina apposita quota per la stipula di contratti da parte delle Università statali con studiosi ed esperti stranieri o italiani stabilmente impegnati all'estero da almeno un triennio in attività didattica e di ricerca.


Linee guida 2003. approvate il 16.07.2003
Programma "Rientro dei cervelli 2003" del 16 luglio 2003 (D.M. 20 marzo 2003, n. 501).

Linee guida 2003 approvate dal Comitato preposto alla gestione del Programma, integrate il 24.07.2003. Le Linee guida 2003 riguardano: finalità del programma, destinatari del programma, scadenze, finanziamento, programma di ricerca, modalità di presentazione delle domande, progetti inter-universitari, valutazione delle domande, obblighi dei vincitori.


Decreto Ministeriale n. 501 del 20 marzo 2003. Rientro cervelli 2003.

Con il D.M. n. 501 del 20 marzo 2003 oltre a perseguire un'offerta formativa didattica e di ricerca altamente specialistica, si vuole consentire a giovani ricercatori italiani impegnati all'estero, l'opportunità di un definitivo rientro nel proprio paese.
Si riportano alcune delle finalità indicate nell'art. 1 del Decreto Ministeriale n. 501 del 20 marzo 2003: il MIUR, ogni anno, destina apposita quota, per la stipula di contratti da parte delle Università statali con studiosi ed esperti stranieri o italiani stabilmente impegnati all'estero da almeno un triennio in attività didattica e di ricerca; il programma si rivolge a studiosi di ogni disciplina e nazionalità, purché in possesso almeno del titolo di dottore di ricerca o equivalente al momento della presentazione della domanda; contratti, della durata minima di 2 anni continuativi e massima di 4 anni, devono prevedere sia l'espletamento di un programma di ricerca prestabilito, che un'attività didattica per l'intera durata del contratto. l'Università si impegna a fornire adeguate strutture di accoglienza e di supporto all'attività del titolare del contratto presso un dipartimento o un istituto, nonché a cofinanziare per il 10% il costo del programma di ricerca proposto.
Il titolare del contratto si impegna ad un'attività continuativa ed a tempo pieno presso l'Università, fatti salvi i normali impegni fuori sede ed eventualmente altri impegni dichiarati preventivamente e ritenuti compatibili dall'Università al momento della stipula del contratto.


Linee guida 2001 approvate il 24 gennaio 2002.
Incentivi a favore della mobilità di studiosi italiani e stranieri.

Linee guida approvate dal Comitato preposto alla gestione del Programma a integrazione e modifica di quelle contenute nella Nota Ministeriale n.1162 del 4 giugno 2001.
Le Linee guida 2001 riguardano: finalità del programma, destinatari del programma, scadenze, finanziamento, programma di ricerca, modalità di presentazione delle domande, centri dipartimentali, progetti inter-universitari, valutazione delle domande, obblighi dei vincitori.


Nota n. 1962 del 5 novembre 2001.
Oggetto: D.M. n.13 del 26/1/01 - Contratti con studiosi stranieri e italiani residenti all'estero.

In relazione al D.M. n. 13 del 26/1/01 e alla nota ministeriale n. 1162, il Ministero comunica che visto il consistente numero di proposte pervenute, sentito il Comitato istituito per la selezione delle domande, ha ritenuto necessario predisporre, tramite Cineca, apposito programma informatico per l'invio telematico delle proposte in parola.


Nota n. 1162 del 4 giugno 2001.
D.M. 26 gennaio 2001, n. 13 - Incentivi a favore della mobilità di studiosi italiani e stranieri impegnati all'estero.

Si forniscono linee-guida ai fini dell'attuazione del provvedimento in oggetto, alla luce anche delle proposte formulate, dal Comitato all'uopo istituito con D.M.14 del 26 gennaio 2001.


Nota n. 457 del 26 febbraio 2001.
DD.MM. 13 e 14 del 26 e 27 gennaio 2001 - Incentivi a favore della mobilità di docenti italiani e stranieri impegnati all'estero.

I provvedimenti in oggetto stabiliscono criteri e modalità per la definizione di progetti di didattica e di ricerca avanzata mediante la stipula, da parte degli Atenei, di contratti di diritto privato con studiosi italiani e stranieri nonché per le chiamate nel ruolo della docenza di prima fascia di professori stranieri o italiani impegnati stabilmente all'estero.
La nota n. 457 riporta nel testo riferimenti all'art. 1, 2 del D.M. n. 13 del 26 gennaio 2001 e al D.M. n. 14 del 27 gennaio 2001.


Componenti del Comitato dei Garanti.

Comitato costituito con D.M. 27 gennaio 2001, n.14 e rettificato dal D.M. 18 dicembre, n. 223


Decreto Ministeriale n. 14 del 27 gennaio 2001.

E' costituito il Comitato di cui all'art.1, comma 5, del D.M..26.1.2001 con il compito di esprimere motivati pareri sulla qualificazione scientifica e didattica degli studiosi ed esperti e sulla valenza scientifica dei progetti di ricerca, che saranno presentati al Murst, ai fini dell'erogazione dei contributi di cui ai commi 1 e 2 dello stesso decreto.


Decreto Ministeriale n. 13 del 26 gennaio 2001.

Per promuovere e sostenere progetti di didattica e di ricerca avanzata, questo decreto sostiene ed incentiva le Università allo scopo di favorire il processo di mobilità dei docenti italiani e stranieri; mediante la stipula di contratti di diritto privato.
Art. 1 comma 1. Per la stipula di contratti con studiosi ed esperti stranieri o italiani stabilmente impegnati all'estero da almeno un triennio in attività didattica e scientifica, per le finalità di cui al D.M. 21.5.1998 n. 242, le Università fruiscono di specifici contributi, a valere sul fondo di finanziamento ordinario di cui all'articolo 5 della legge n. 537/93, nella misura complessiva di 20 miliardi annui a partire dall'esercizio finanziario 2001.
Art. 1 comma 3. I contratti di cui al comma 1, hanno durata fino a tre anni accademici e sono stipulati dai Rettori delle Università statali, previa delibera dei competenti organi accademici.
Art. 1 comma 5. Con decreto del Ministro dell'Università e della ricerca scientifica e tecnologica, è costituito un apposito Comitato composto dai presidenti del CUN e della CRUI, nonché da tre eminenti personalità di rinomata qualificazione scientifica in ambito internazionale con il compito di esprimere motivati pareri sulla qualificazione scientifica e didattica degli studiosi ed esperti e sulla valenza scientifica dei progetti di ricerca, ai fini dell'erogazione dei contributi.
Allegato:
Nota n. 1162 del 4 Giugno 2001.